La fine del mondo come lo conosciamo

CAMBRIDGE – Consideriamo il seguente scenario. Dopo una vittoria del partito di sinistra Syriza, il nuovo governo greco annuncia che vuole rinegoziare i termini del suo accordo con il Fondo Monetario Internazionale e l’Unione europea. Il Cancelliere tedesco Angela Merkel mantiene la sua posizione continuando a sostenere che la Grecia deve rispettare le condizioni esistenti.

Per paura di un imminente crollo finanziario, i depositanti greci si affrettano a ritirare i propri depositi. Questa volta, la Banca Centrale Europea si rifiuta di offrire un piano di salvataggio lasciando le banche greche a corto di liquidità. Il governo greco istituisce una forma di controllo sui capitali ed è in ultima istanza forzata ad emettere dracme per garantire liquidità al suo interno.

Con l’uscita della Grecia dall’eurozona, gli occhi vengono puntati sulla Spagna. La Germania e altri paesi rimangono inizialmente irremovibili sul fatto che faranno qualunque cosa sia necessaria per evitare un simile assalto agli sportelli in Spagna. Il governo spagnolo annuncia nuovi tagli fiscali e riforme strutturali, e, grazie al sostegno dei fondi del Meccanismo di Stabilità europea, la Spagna rimane finanziariamente a galla per diversi mesi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/c2DmQWX/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.