Il dilemma delle imposte sulle imprese

BERKELEY – Gli Stati Uniti hanno ora l’aliquota più alta di tassazione sulle imprese tra i Paesi sviluppati. Anche dopo varie deduzioni, crediti e altre agevolazioni fiscali, l’aliquota marginale effettiva (quella che le società pagano sui nuovi investimenti americani) resta tra le più alte al mondo.

In un mondo di mobilità di capitali, le aliquote per le imprese contano, e le decisioni aziendali su come e dove investire sono sempre più suscettibili alle differenze nazionali. L’aliquota relativamente alta degli Usa incoraggia le società americane a localizzare investimenti, produzione e occupazione in Paesi esteri, e scoraggia le imprese straniere a localizzare negli Usa, il che significa crescita più lenta, meno posti di lavoro, minore aumento di produttività e salari reali più bassi.

Secondo la saggezza convenzionale, la pressione fiscale sulle imprese ricade soprattutto sui detentori di capitali sotto forma di minori rendimenti. Ma, dal momento che il capitale diventa sempre più mobile, gran parte della pressione fiscale grava sui lavoratori relativamente immobili sotto forma di salari più bassi e minori opportunità di lavoro. È per questo motivo che i Paesi di tutto il mondo hanno tagliato le aliquote sulle imprese. La conseguente “corsa al ribasso” riflette l’intensificarsi della concorrenza globale per il capitale e del know-how tecnologico a sostegno dei posti di lavoro e dei salari locali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/4zKxZC4/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.