John Overmyer

Ri-regolamentiamo i movimenti di capitale

NEW YORK – Il dibattito di questi giorni sulla “guerra delle valute” mette in evidenza due aspetti paradossali dell'economia globale. Il primo è che non esiste alcun meccanismo che metta in relazione le regole del commercio mondiale con le fluttuazioni dei tassi di cambio. Dopo che i paesi passano anni a negoziare delle regole condivise per il commercio internazionale, le fluttuazioni dei tassi di cambio possono, in pochi giorni, avere sul commercio un impatto maggiore di tutti quegli accordi faticosamente concordati. Inoltre, le fluttuazioni dei tassi di cambio sono essenzialmente determinate dai flussi finanziari e possono quindi non contribuire in alcun modo alla correzione degli squilibri commerciali globali.

Il secondo paradosso è che un'espansione della propria base monetaria può essere del tutto inefficace all'interno del paese che l'adotta, ma può generare importanti esternalità negative sugli altri.  Questo è ancora più vero nel caso dell'alleggerimento quantitativo attualmente in atto negli Stati Uniti, dato che il dollaro americano è la principale valuta di riserva globale.

Finora, durante la crisi finanziaria e la conseguente recessione, gli Stati Uniti non sono riusciti a rilanciare la crescita del credito, che è il meccanismo principale attraverso il quale una politica monetaria espansiva impatta sull'attività economica nel mercato interno. Al contrario, gli stessi hanno provocato un enorme flusso di capitali verso i mercati emergenti, dove stanno generando bolle nei prezzi degli assets. Indebolendo il dollaro, però, questa politica comporta effetti negativi sui loro partner commerciali (e lo stesso vale per le politiche monetarie recentemente adottate dal Giappone).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/3LPH3kk/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.