Quello il mondo chiede ai Brics

CAMBRIDGE – Nel 2001 Jim O’Neill di Goldman Sachs ha coniato il famoso acronimo Bric per indicare le quattro potenze emergenti del mondo: Brasile, Russia, India e Cina. Ma, oltre un decennio più tardi, l’unica cosa che questi Paesi hanno in comune è il fatto di posizionarsi tra le 15 maggiori economie del mondo (a parità di potere d’acquisto) senza essere membri dell’Ocse.

I quattro Paesi hanno strutture economiche molto diverse: la Russia e il Brasile fanno leva sulle materie prime, l’India sui servizi e la Cina sul manifatturiero. Il Brasile e l’India sono democrazie, mentre la Cina e la Russia decisamente non lo sono. E come ha scritto Joseph Nye, la Russia è una superpotenza in declino, mentre la Cina e (meno marcatamente) gli altri sono in ascesa.

Eppure, in uno strano caso di vita che imita la fantasia, i Brics (ai quattro Paesi originari si aggiunge ora il Sud Africa) hanno formato un gruppo a se con meeting regolari e iniziative politiche. Il loro impegno più ambizioso ad oggi è la creazione di una banca per lo sviluppo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/TxhAHev/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.