Paul Lachine

Il rischio dei bonus

CHICAGO – Durante la sessione di luglio, il Parlamento Europeo ha approvato una serie di regolamenti, tra i più severi al mondo, sui bonus elargiti ai banchieri con l’obiettivo di limitare i rischi operativi da parte degli istituti finanziari.

In base alle nuove norme, il 30% dei bonus dovrà essere pagato in contanti, la somma corrispondente al 40-60% dovrà essere dilazionata perlomeno in tre anni, mentre almeno il 50% dovrà essere investito in “capitale contingente”, una nuova forma di debito che prevede la conversione in azioni nei momenti di difficoltà delle aziende. L’aspetto più innovativo di queste nuove regole è che le restrizioni non vengono applicate solo ai direttori generali degli istituti finanziari, bensì anche a tutti i top manager (sebbene la definizione di top manager dipenda dai contesti parlamentari nazionali).

La presunta giustificazione per questa significativa interferenza nell’attività privata è la conseguenza sistemica che questi bonus possono avere. Gli stipendi elevati del settore bancario, così viene argomentata la questione, premiano i successi ma non penalizzano i fallimenti. I manager bancari sono, infatti, liberi di cambiare azienda nei momenti di difficoltà, evitando in tal modo qualsiasi forma di punizione. Il sistema premia i manager per correre dei rischi anche quando il rischio è eccessivo, il che è sintomo di un’alterazione percepita come una delle principali cause della crisi finanziaria del 2008.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/N3Xkge7/it;