Il decennio sino-americano

HONG KONG – Il vertice tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il presidente cinese Xi Jinping, che si terrà il 7-8 giugno prossimi in California, giunge in un momento di grande tensione tra le due potenze mondiali. Le questioni controverse - dalla pirateria informatica alla strategia "pivot" verso l'Asia degli USA - non devono però monopolizzare l'attenzione: se Obama e Xi avranno il coraggio di esporsi e di cominciare a delineare un percorso congiunto per il prossimo decennio, potrebbero scoprire di avere molto in comune.

I prossimi dieci anni saranno caratterizzati da importanti adeguamenti e cambiamenti strutturali a livello delle singole economie, e da una totale riconfigurazione dell'economia mondiale. Soprattutto, molto dipenderà dalle politiche adottate dalle due maggiori potenze, Cina e Stati Uniti, e dalla loro capacità di leadership e collaborazione alla creazione di beni pubblici globali e al mantenimento di un contesto economico stabile e aperto.

Sono molti i settori in cui una collaborazione è necessaria, e uno di questi riguarda la gestione delle risorse naturali e dell'ambiente. La crescita della Cina e del mondo in via di sviluppo porterà a un raddoppio della produzione mondiale nell'arco di 10-15 anni e, probabilmente, a una sua triplicazione nei quindici anni successivi. Il modello di crescita su cui i Paesi avanzati e quelli in via di sviluppo si sono basati finora non potrà funzionare nello scenario appena descritto, e il clima, l'ecologia, il cibo, l'acqua, l'energia e la vivibilità rischiano di soccombere alla pressione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/yRKBRTC/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.