Paul Lachine

Dieci ragioni del perché la Cina è diversa

NEW HAVEN – Il gruppo dei perplessi nei confronti della Cina è di nuovo all’attacco. Sembra arrivare ad ondate ogni tot anni, ma finora, ad anni alterni, la Cina ha sempre resistito ai suoi oppositori ed ha proseguito il suo cammino realizzando uno degli sviluppi più incredibili dell’era moderna che sembra continuare ad andare avanti.

La delirante preoccupazione di oggi rispecchia una convergenza di ansie, in particolar modo nei confronti dell’inflazione, di investimenti eccessivi, stipendi scarsi e prestiti bancari incerti. Eminenti accademici hanno sottolineato la possibilità che la Cina possa diventare vittima della temuta “trappola dello stipendio medio” che ha creato, in passato, gravi difficoltà a diverse nazioni in via di sviluppo.

C’è un fondo di verità nelle preoccupazioni sopra descritte, in particolar modo in relazione alle attuali problematiche legate all’inflazione. Ma derivano per gran parte da generalizzazioni mal riposte. Ecco dieci ragioni per cui non serve trarre conclusioni sull’economia della Cina attingendo da esperienze vissute da altri paesi:

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/xLfC8dN/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.