Investment business Spencer Platt/Getty Images

Perché tagliare le tasse ai ricchi non risolve nulla

NEW YORK – Sebbene possa esservi disaccordo tra i plutocrati americani di destra su come classificare i principali problemi del paese – disuguaglianza, crescita lenta, bassa produttività, dipendenza da oppiacei, scuole inadeguate e infrastrutture fatiscenti, per citarne alcuni – la soluzione è sempre la stessa: tasse più basse e deregolamentazione, in modo da “incentivare” gli investitori e “liberare” l’economia. Il presidente Donald Trump sta puntando su questo pacchetto perché l’America torni a essere un grande paese.    

Non tornerà a esserlo, perché non lo è mai stata. Quando tentò l’impresa negli anni ottanta, il presidente Ronald Reagan dichiarò che il gettito fiscale sarebbe aumentato. Invece, la crescita subì un rallentamento, le entrate fiscali crollarono e a farne le spese furono i lavoratori. I grandi vincitori, in termini relativi, furono le aziende più importanti e i ricchi, che trassero beneficio da una forte riduzione delle aliquote fiscali.   

Trump non ha ancora avanzato una proposta fiscale vera e propria. Tuttavia, a differenza dell’approccio della sua amministrazione verso la legislazione in materia di salute, la mancanza di trasparenza stavolta non lo aiuterà. Mentre molti dei 32 milioni di cittadini destinati a perdere la copertura sanitaria in base all’attuale proposta di legge non sanno ancora cosa li aspetta, non si può dire altrettanto delle aziende che, a causa della riforma fiscale di Trump, ci rimetteranno.    

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/26iYZWS/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.