La globalizzazione dello sviluppo sostenibile

WASHINGTON, DC – Con la scadenza degli Obiettivi di sviluppo del millennio e la definizione dei nuovi Obiettivi di sviluppo sostenibile, la questione su come il mondo possa porre fine alla povertà e migliorare il benessere delle persone tornerà ad essere un tema assolutamente prioritario nel 2015.

La “relazione di sintesi,” del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che mette in luce gli elementi principali dell’agenda post-2015, fornisce delle linee guida importanti su come si dovrebbe delineare lo sviluppo sostenibile e su ciò che i leader mondiali dovrebbero fare nei prossimi 15 anni per ottenere tale sviluppo. Dopo aver trascorso due anni a definire “cos’è” lo sviluppo sostenibile, quest’anno ci si dovrebbe focalizzare su come metterlo in pratica.

L’ambizione principale, ovvero lo sradicamento della povertà entro il 2030, è molto audace. Per attuarla nel concreto, gli obiettivi di sviluppo sostenibile dovranno scostarsi dal modello di sviluppo del ventesimo secolo secondo cui i paesi ricchi davano i soldi ai paesi poveri soprattutto per nutrire gli affamati e migliorare l’istruzione e la sanità. Gli obiettivi di sviluppo del millennio hanno raggiunto grandi risultati in alcune di queste aree, ma il contesto è cambiato in modo significativo da allora. Diverse economie emergenti, tra cui Cina, India, Brasile e Sudafrica, sono ora in competizione nel processo di modernizzazione, il settore privato sta assumendo un ruolo sempre più importante nello sviluppo economico, mentre il degrado ambientale sta minacciando i risultati ottenuti negli ultimi decenni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/KRfzcON/it;