slow growth Mark Metcalfe/Stringer

Come sfuggire alla nuova normalità di una crescita debole

MILANO – Non c’è dubbio che la ripresa dalla recessione globale provocata dalla crisi finanziaria del 2008 sia stata insolitamente lunga e anemica. Alcuni si aspettano ancora un aumento della crescita, ma a otto anni dalla crisi ciò che si sta verificando nel contesto dell’economia globale inizia a non sembrare più una ripresa lenta, bensì un nuovo equilibrio caratterizzato da una crescita bassa. Ma perchè si sta verificando questo, e cosa possiamo fare?

Una possibile spiegazione per questa “nuova normalità” che ha attirato molta attenzione è la riduzione della crescita di produttività. Ma nonostante la presenza di dati e analisi significative, è stato difficile individuare il ruolo della produttività nell’attuale malessere che in effetti non sembra essere così fondamentale come molti credono.

Ovviamente, il rallentamento della crescita della produttività non è positivo per la prestazione economica di lungo termine e potrebbe essere tra le cause che frenano gli Stati Uniti mentre si avvicinano alla “piena” occupazione. Ma in gran parte del resto del mondo sono altri i fattori che sembrano avere maggiore importanza (ovvero una domanda aggregata inadeguata e dei divari di produzione significativi radicati in un contesto di capacità in eccesso e di beni sottoutilizzati tra cui anche le persone).

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/AlqyNBV/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.