Strive Masiyiwa, Africa’s Farms, agricultural-policies,  economic growth needs investments to occur. Marwa Morgan/flickr

Le fattorie africane del futuro

HARARE – Lanciare un’attività può essere cosa ardua, soprattutto in Africa, dove i deboli sistemi di governo e l’inadeguato accesso alle risorse principali ne impediscono il successo. Per le fattorie africane le sfide sono particolarmente accentuate. Considerati gli ampi benefici economici e sociali di un settore agricolo moderno e dinamico, garantire agli agricoltori gli incentivi, gli investimenti e i regolamenti di cui necessitano per avere successo dovrebbe diventare una priorità assoluta.

Il recente boom del settore delle telecomunicazioni in Africa – che ha rivoluzionato l’intero comparto, per non parlare degli stili di vita delle persone – dimostra esattamente quanto potrebbe essere efficace un approccio di questo genere. Ci sono più di mezzo miliardo di connessioni mobili nel continente oggi; in effetti, per certi aspetti, l’Africa riveste un ruolo di punta a livello mondiale nella crescita e nell’innovazione della telefonia mobile.

Perché l’Africa è stata incapace di replicare questa crescita nel settore agricolo? Perché, invece di raccolti eccezionali, l’Africa registra una spesa annua per l’importazione dei generi alimentari di 35 miliardi di dollari? Secondo l’ultimo report annuo dell’Africa Progress Panel, Grain, Fish, Money – Financing Africa’s Green and Blue Revolutions, il problema è chiaro: tutto sembra giocare contro gli agricoltori dell’Africa.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Q9W3fLv/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.