Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

women's education Brent Stirton/Getty Images

L’istruzione per gli stati fragili

WASHINGTON – Verso la fine del mese la Fondazione Bill & Melinda Gates pubblicherà il suo rapporto annuale, Goalkeepers, che valuta i progressi fatti verso gli Obiettivi sostenibili di sviluppo delle Nazioni Unite. Tra i risultati attesi c’è la previsione secondo cui entro il 2050 circa il 90% della povertà globale sarà concentrata nell’Africa sub-sahariana e due terzi della popolazione più povera a livello mondiale risiederà solo in dieci paesi.

Questa capacità di individuare i “punti caldi” dello sviluppo degli esseri umani (ciò che noi definiamo “i paesi che registrano il ritardo più grave in termini di sviluppo” (SOTC)) dovrebbe teoricamente facilitare l’implementazione di soluzioni adeguate. Purtroppo, alcune agenzie di aiuto umanitario tendono a evitare gli stati più fragili per timore che le loro risorse vengano sprecate. Attualmente meno di un quarto degli aiuti programmabili dei paesi OCSE è stanziato a favore dei paesi SOTC.

Ma la percezione che la fragilità comporti un fallimento è sbagliata. Con una pianificazione adeguata, è possibile implementare i progetti in grado di migliorare le vite delle persone anche nei luoghi più rischiosi. Il fattore più importante è che sappiamo dove iniziare, ovvero investendo di più nel capitale umano e in particolar modo nell’istruzione.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

https://prosyn.org/VuyHYXcit;
  1. op_campanella7_Aurelien MeunierGetty Images_billgatesrichardbransonthumbsup Aurelien Meunier/Getty Images

    Abolish the Billionaires?

    Edoardo Campanella

    Even many of the wealthiest Americans would agree that the United States needs to overhaul its tax policies to restore a sense of social justice. But, notes Edoardo Campanella, Future of the World Fellow at IE University's Center for the Governance of Change, such reforms would not be enough to restart the engines of social mobility and promote greater equality of opportunity.

    16