La scelta di Strauss-Kahn

CHICAGO – Quando l’ex Ministro delle Finanze Dominique Strauss-Kahn è stato nominato Amministratore delegato del Fondo Monetario Internazionale nel 2007, diversi paesi in via di sviluppo si sono opposti. Non a lui, bensì alla tradizione dell’FMI di assegnare le posizioni più importanti agli europei, così come gli americani piazzano uno di loro all’interno della Banca Mondiale.

Questo meccanismo antiquato di “spoil system” è un rimasuglio del periodo successivo alla Seconda Guerra mondiale durante il quale le potenze vincitrici si sono suddivise tra di loro le posizioni di leadership all’interno degli istituti di economia a livello mondiale. Al tempo queste disposizioni avevano un senso in quanto gli Stati Uniti rappresentavano il 35% dell’economia mondiale e l’Europa occidentale il 26%. Ma oggi l’equilibrio del potere economico è cambiato. Gli USA rappresentano solo il 20% dell’economia mondiale e l’Europa occidentale solo il 19%.

In realtà c’è una ragione ancor più inconfutabile, anche se al tempo non evidente, per cui il direttore dell’FMI nominato nel 2007 non avrebbe dovuto essere europeo, ovvero il conflitto di interessi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/ZCoGOFA/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.