Carl Court/Getty Images

Fermare la Guerra sui Bambini

LONDRA – Venti anni fa in questo mese, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha ricevuto un rapporto dall’allora Ministro dell’Istruzione del Mozambico Graça Machel che descriveva nei dettagli gli effetti dei conflitti armati sui bambini. Documentando una serie di attacchi sistematici e mirati, tra cui uccisioni, stupri e reclutamento forzato in gruppi armati, Machel concludeva: “Questo è uno spazio privo dei valori umani fondamentali ... “È difficile che l’umanità possa toccare livelli di degrado più bassi”.

Machel si sbagliava. Una generazione più tardi, l’umanità sta raggiungendo livelli di depravazione morale ancora peggiori. I bambini che vivono in zone di conflitto sono oggetto di violenze di dimensioni senza precedenti, e l’elaborato sistema di disposizioni per i diritti umani delle Nazioni Unite volte a proteggerli viene violato impunemente.

Nel ventesimo anniversario del rapporto Machel, la comunità internazionale deve tracciare una linea di demarcazione e fermare la guerra contro i bambini.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/mLHAwHA/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.