Il circolo pace-prosperità

NEW YORK – Alla 68a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che si è aperta il 17 settembre, i leader mondiali pongono le basi di un’agenda per lo sviluppo in grado di succedere agli Obiettivi di sviluppo del Millennio, Millennium Development Goals (MDG), che scadono nel 2015. I prossimi Obiettivi di sviluppo sostenibili, Sustainable Development Goals, ben comprenderanno che lo sviluppo economico è la chiave per migliorare il benessere dell’uomo e garantire i diritti umani più vulnerabili. Ma al fine di compiere progressi reali, i policy maker devono affrontare i fattori che frenano lo sviluppo, soprattutto la violenza e i conflitti.

Secondo il Global Peace Index, l’anno scorso l’attività tesa a contenere la violenza, inclusi i conflitti interni ed esterni, nonché i crimini violenti e gli omicidi – è costata al mondo quasi 9,5 trilioni di dollari, pari all’11% del Pil globale. Che corrisponde a 75 volte il volume degli aiuti ufficiali oltremare forniti nel 2012, che ammontavano a 125,6 miliardi di dollari, e a quasi il doppio del valore della produzione agricola annua mondiale. (Per di più, la crisi finanziaria globale post-2008 ha causato una contrazione del Pil mondiale pari allo 0,6%).

Ciò significa che se il mondo dovesse ridurre le spese relative alla violenza all’incirca del 50%, potrebbe ripagare il debito del mondo in via di sviluppo (4,1 trilioni di dollari), garantire sufficiente denaro al Meccanismo per la stabilità europea (900 miliardi di dollari) e finanziare i fondi aggiuntivi necessari per raggiungere gli MDG (60 miliardi di dollari).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/2xiZkaX/it;