Obama and Xi walking White House Photo/Pete Souza

La relazione sino-americana va rivista

NEW HAVEN – All’inizio di luglio le massime autorità americane e cinesi si riuniranno a Pechino per la sesta edizione del Dialogo economico e strategico. Date le frizioni bilaterali su una serie fronti, tra cui la cyber-sicurezza, le controversie territoriali nei Mari cinesi meridionali e orientali e la politica monetaria, il summit offre l’opportunità di riconsiderare seriamente la relazione tra due grandi potenze economiche.

Gli Stati Uniti e la Cina sono costretti in un abbraccio scomodo – la controparte economica di quello che gli psicologi definiscono “codipendenza”. Il flirt è iniziato alla fine degli anni 70, quando la Cina annaspava a seguito della Rivoluzione culturale e gli Usa erano inabissati in una straziante stagflazione. Alla disperata ricerca di crescita economica, i due Paesi in difficoltà hanno contratto un matrimonio di comodo.

La Cina fu lesta a beneficiare del modello economico trainato dall’export che dipendeva fortemente dall’America come maggiore fonte di domanda. Gli Usa traevano benefici rivolgendosi alla Cina per i beni a basso costo che aiutavano i consumatori in ristrettezze economiche a sbarcare il lunario; importavano anche le eccedenze di surplus dalla Cina per colmare il vuoto derivante dalla carenza di risparmi domestici senza precedenti, laddove gli Usa colpiti dal deficit attingevano liberamente dalla vorace fame cinese di titoli di Stato.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/7xgr78I/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.