La falsa ripartenza dell'America

NEW HAVEN – I mercati finanziari e il cosiddetto "consenso di Davos" condividono appieno l’idea che, negli Stati Uniti, qualcosa di simile a una ripresa ciclica del tipo classico potrebbe finalmente essere vicina. Ma è davvero così?

A prima vista, l'ottimismo appare giustificato. Nella seconda metà del 2013 la crescita del Pil reale si è attestata in prossimità del 4%, quasi il doppio del tasso registrato nei quattro anni precedenti, pari al 2,2%. Il tasso di disoccupazione è finalmente sceso sotto la soglia del 7%. E la Federal Reserve ha corroborato questo scenario, in apparenza promettente, avviando un'operazione di tapering sugli asset a lungo termine.

A mio avviso, però, è ancora presto per tirare fuori lo champagne. Un incremento della crescita del Pil per due trimestri consecutivi non significa essere guariti da una ripresa anemica. Una situazione del genere, infatti, si è verificata già due volte dopo la fine della Grande Recessione, a metà del 2009 – la prima nel secondo e terzo trimestre del 2010, quando il tasso di crescita medio annuo ha raggiunto il 3,4%, la seconda nel quarto trimestre del 2011 e nel primo trimestre del 2012, quando l'incremento medio è stato del 4,3%. In entrambi i casi, però, il miglioramento si è rivelato piuttosto effimero.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/By5myl9/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.