La fine della pianificazione centrale cinese

PECHINO – “Non è tempo che la Cina abbandoni il concetto di target di crescita?”

Questa è la domanda che ho posto al ministro delle Finanze cinese Lou Jiwei questa settimana al 15° Forum annuale per lo sviluppo della Cina, che riunisce le massime autorità cinesi e una delegazione internazionale di accademici, leader di organizzazioni multilaterali e dirigenti aziendali. Avendo frequentato questo forum da quando fu lanciato nel 2000 dall’ex premier Zhu Rongji, posso confermarne il ruolo come una delle piattaforme di dibattito più importanti della Cina. Rongji ha accolto lo scambio di opinioni del Forum come un vero test intellettuale per i riformatori cinesi.

È stato in questo spirito che ho posto la mia domanda a Jiwei, che conosco dagli anni 90. All’epoca era vice ministro delle Finanze, presidente fondatore del fondo per la ricchezza sovrana cinese, China Investment Corporation, e ora ministro delle Finanze. L’ho sempre considerato diretto, dotato di curiosità intellettuale, un pensatore analitico di prim’ordine e un sostenitore lungimirante delle riforme basate sul mercato. È fatto della stessa pasta del suo mentore, Rongji.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/hWXrN9M/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.