La trappola della Fed

NEW HAVEN – Nel tentare di uscire dalla sua politica monetaria non convenzionale, la Federal Reserve americana deve fare i conti con la disparità tra il successo della politica nel prevenire il disastro economico e il suo fallimento nel rilanciare una robusta ripresa. Nella misura in cui tale scossone ha portato enormi eccessi nel mercato finanziario, l’uscita sarà del tutto problematica per i mercati – e per l’autorità monetaria americana fissata sui mercati.

L’attuale dilemma della Fed affonda le radici in un cambiamento radicale nel modo e nella prassi del sistema bancario centrale. Le politiche monetarie convenzionali, realizzate per soddisfare il duplice mandato della Fed di stabilità dei prezzi e piena occupazione, non sono in grado di affrontare i rischi sistemici delle bolle azionarie e creditizie, per non parlare delle recessioni di bilancio derivanti dallo scoppio di tali bolle. Ciò è diventato dolorosamente evidente negli ultimi anni, quando le banche centrali, per rispondere alla crisi finanziaria globale del 2008-2009, sono passate a politiche non convenzionali – in particolare, ricorrendo alle massicce iniezioni di liquidità attraverso il quantitative easing (QE).

La teoria alla base di questa mossa – come esposta da Ben Bernanke, prima di tutto come accademico, poi come governatore della Fed, e infine in veste di presidente della Fed – è che agire sulle dimensioni quantitative del ciclo creditizio è l’equivalente funzionale di una manovra sul fronte dei prezzi. Questa supposizione ha liberato la Fed dal temutissimo “zero bound” che si avvicinava nel 2003-2004, quando, in risposta al collasso della bolla azionaria, ha abbassato il tasso di benchmark all’1%. Se la Fed esaurisse i punti base, a rigor di logica, avrebbe ancora una pletora di strumenti a sua disposizione per sostenere e guidare l’economia reale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/GP5zznH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.