Saudi development Syahrel Azha Hashim/Getty Images

Lotte e vittorie delle startup arabe

DUBAI – La recente conferenza STEP di Dubai – il più grande evento dedicato alle startup della regione del Medio Oriente e Nord Africa (MENA) – ha suscitato un notevole interesse dando l’impressione che la situazione delle startup locali si sia finalmente consolidata. Gli imprenditori dell’area MENA, però, continuano a incontrare grossi ostacoli strutturali sul proprio cammino.

I successi delle startup della regione non andrebbero sottovalutati. Secondo Wamda, un acceleratore regionale, più di una dozzina di startup, tra cui Bayt, Careem, MarkaVIP, Namshi, News Group, Propertyfinder e Wadi.com, sono attualmente valutate oltre 100 milioni di dollari. Souq.com, un’azienda con tremila dipendenti fondata nel 2005, è in procinto di diventare il primo “unicorno” della regione, con un valore stimato che supera il miliardo di dollari.

Malgrado ciò, l’ambiente regionale resta lungi dal favorire una cultura dell’imprenditorialità. Oltre alle guerre, al terrorismo e agli scontri politici che affliggono il mondo arabo – per non parlare delle tipiche sfide che affrontano gli imprenditori al di fuori della Silicon Valley, come la carenza di capitale di rischio, talenti o infrastrutture – vi sono numerosi problemi strutturali profondamente radicati.  

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/N3uEsL3/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.