L’incubo del letto di Procusto per l’Europa

MANNHEIM – La politica dell’Unione europea finalizzata a salvare l’euro a tutti i costi è sufficiente a garantire la sopravvivenza della moneta unica. Ma vale la pena mantenere un modello unico sacrificando la competitività dell’eurozona e, in ultimo, la solidarietà europea?

E’ stato grazie all’istituzione del mercato unico nel 1992, e non all’euro sette anni più tardi, che l’Europa ha potuto beneficiare del mercato libero, di un aumento della competitività e di un nuovo benessere. E, infatti, l’unione monetaria si è trasformata in un incubo economico e politico tormentato dalla recessione, da un tasso elevato di disoccupazione, da rivolte sociali e da una crescente sfiducia tra stati membri.

Ma anche se sia i politici che gli economisti stanno esaurendo gli argomenti a favore dell’euro, pochi di loro osano sfidare la sua struttura di base, e ancor meno proporre alternative. Per sfuggire alla crisi, i leader dell’UE devono riconoscere le lacune della struttura unidimensionale dell’eurozona e sviluppare un sistema che sia più adatto a gestire un’unione monetaria multi sfaccettata.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/NJh7mm7/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.