concerned woman looks at laptop fizkes/Getty Images

Salute globale vs. troll online

BOSTON – La parte più frustrante del mio lavoro come scienziato esperto di sanità pubblica è la diffusione della falsa informazione – solitamente online – che annulla anni di ricerca empirica. È già abbastanza difficile per i medici contrastare false informazioni sanitarie nelle conversazioni con i pazienti. Diventa ancora più difficile quando le menzogne sono trasmesse via Internet.

Ho recentemente avuto modo di essere testimone di questo scenario in prima persona in Kashmir, dove sono cresciuto. Lì, i genitori dei bambini credevano ai video e ai messaggi di Facebook, YouTube o WhatsApp che diffondevano false notizie secondo cui i moderni farmaci e i vaccini sarebbero dannosi, o addirittura che sarebbero finanziati da potenze straniere con secondi fini. Le discussioni con i colleghi pediatri locali hanno rivelato come un singolo video o un instant message con false informazioni fosse sufficiente per dissuadere i genitori dal credere nelle terapie mediche.

I medici in altre parti dell’India e del Pakistan hanno riferito di numerosi casi in cui i genitori, molti dei quali con un buon livello di istruzione, rifiutavano le vaccinazioni anti-polio per i figli. Alla sfiducia si sono aggiunti i report secondo cui la CIA una volta avrebbe organizzato una falsa campagna di vaccinazione per spiare i militanti in Pakistan. Data l’alta posta in gioco, i paesi talvolta ricorrono a misure estreme, come l’arresto dei genitori che non collaborano, per garantire la vaccinazione delle comunità vulnerabili.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/eoC4QHQ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.