La danza ombra delle grandi banche

WASHINGTON, DC – Uno dei grandi miti propagati dai grandi istituti finanziari è che, se venissero effettivamente regolamentati di nuovo, numerosi investitori e transazioni finanziarie si rifugerebbero nel “sistema bancario ombra” o “shadow banking”.

Non è una buona notizia. Tutto ciò che striscia nell’ombra nasconde sicuramente brutte intenzioni o conseguenze potenzialmente pericolose, o entrambe le cose. Il fatto di insinuarsi nell’oscurità implica che nulla si può fare per evitare che accada – qualunque cosa sia deve essere fuori dalla portata della regolamentazione e di un’efficace supervisione. Forse quindi il rischio del sistema finanziario aumenterebbe e non diminuirebbe se regolamentassimo in modo adeguato le grandi banche non ombra.

Discorso chiuso con le storie di paura. In realtà, esistono tre tipi di attività “ombra”, ma sono tutte chiare, funzionano alla vista di tutti e potrebbero essere controllate in modo diretto e responsabile. Che poi ci sia la volontà politica di implementare efficaci controlli, questa, come sempre, è un’altra questione – soprattutto perché le grandi banche sono molti potenti e vorrebbero che le banche ombra restassero tali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/jXAg4Ms/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.