La ricattura di Washington

WASHINGTON, DC – Duecento anni fa, Washington DC fu catturata dagli inglesi, che poi ne diedero alle fiamme i centri del potere, tra cui la Casa Bianca, il Dipartimento del Tesoro e il Congresso. Oggi, Washington è stata nuovamente catturata da un gruppo di interesse nazionale costituito da grandi istituti bancari, e il prezzo di ciò è destinato a essere di gran lunga superiore a quello del 1814.

Le maggiori holding bancarie americane ricevono un implicito sussidio dal governo, essendo percepite come "troppo grande per fallire". Le autorità non permettono alle grandi banche di essere insolventi, attraverso il fallimento o in altro modo, poiché bisogna scongiurare il crollo del sistema finanziario. Questa pratica si è andata delineando tra la fine del 2008 e l'inizio del 2009, ed è tuttora in vigore.

La dispensa dal rischio di fallimento significa che chiunque presti denaro alle grandi banche, in tutto una mezza dozzina, riceve in cambio una garanzia statale, ovvero un'assicurazione gratuita contro il rischio di catastrofe. Questi istituti riescono a finanziare sempre più debito a condizioni (dal loro punto di vista) migliori. In particolare, i loro dirigenti gestiscono imprese poco trasparenti, dove i rischi vengono accuratamente tenuti nascosti al pubblico e molto poco viene fatto in termini di assorbimento delle perdite di capitale. In poche parole, senza le garanzie del governo, questi torbidi imperi non potrebbero esistere.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/cYlqJpb/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.