Lo stato di negazione della Federal Reserve

WASHINGTON, DC – La Federal Reserve degli Stati Uniti è una delle organizzazioni governative più potenti della storia mondiale. La banca centrale americana ha infatti il controllo sulle riserve del dollaro e al momento esercita una grande influenza sui tassi d’interesse per i prestiti sia a breve che a lungo termine. Inoltre, nonostante la Fed sia stata in parte responsabile dei fallimenti normativi che hanno portato al crollo dell’economia globale nel 2008-2009, la riforma successiva alla crisi le ha dato persino maggiore autorità e responsabilità nella supervisione del sistema finanziario.

Questo risultato è alquanto preoccupante in quanto i funzionari senior della Fed sembrano essere tornati al modus operandi precedente la crisi e trascurano quindi le preoccupazioni legate ai comportamenti pericolosi all’interno del settore finanziario, anche quando queste preoccupazioni vengono espresso dai membri della Commissione bancaria del Senato statunitense. Ciò non è solo increscioso, ma anche pericoloso in quanto la posizione politica della Fed è molto più precaria di quanto pensino i suoi leader.

In molti paesi, la destra politica sostiene tendenzialmente le banche centrali. Nel Nord Europa, ad esempio, l’indipendenza della Banca Centrale Europea viene vista come fattore essenziale per la stabilità dei prezzi e la salvaguardia di quest’indipendenza è addirittura una priorità per i politici di destra. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/j2D6jWV/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.