Il momento di Sarkozy

LONDRA – Poco più di tre anni fa, esattamente nel pieno della crisi finanziaria, ho pubblicato una guida sul sistema internazionale di regolamentazione finanziaria, Global financial regulation:The essential guide. Questa guida descriveva un’elaborata ragnatela di commissioni, consigli e agenzie con responsabilità sovrapposte, soci non rappresentativi e poteri di controllo inadeguati – un sistema che è cresciuto nei decenni, senza la mano di un architetto o di un’autorità centrale in grado di promuovere standard coerenti per la regolamentazione globale.

Dopo tutto ciò che è accaduto nei successivi anni, spesi a dimostrare i pericoli derivanti da tali errori, e considerata la pletora di summit e conferenze, una guida del 2008 per la regolazione finanziaria dovrebbe essere ora del tutto sorpassata. Sfortunatamente, non è così.

È vero che alcune cose sono migliorate. Il G7, in cima alla piramide del potere, fu obbligato a dar vita al G20, facendo annettere al gruppo decisionale paesi come Cina e India, rendendoli partner a tutti gli effetti. Di conseguenza, i summit del G20 sono diventati più farraginosi, ma ciò riflette semplicemente la realtà dell’attuale spostamento di potere economico da Ovest a Est.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/GphNei2/it;