rickz/Flickr

Il problema del gas di Putin

HOUSTON – Gli osservatori russi si stanno giustamente focalizzando sull’ultimo fragile cessate in fuoco in Ucraina, cercando di discernere le intenzioni del presidente Vladimir Putin in quest’area. Ma farebbero bene a non trascurare un’altra lotta in corso – che avrà profonde conseguenze a lungo termine per l’Europa e per l’abilità di Putin di esercitare pressioni sul continente.

Lo scorso dicembre, il colosso russo del gas, Gazprom, e una società turca di pipeline hanno siglato un protocollo di intesa per costruire un gasdotto che si snodi dalla Russia alla Turchia via Mar Nero. Questo nuovo “Turkish Stream” è un’alternativa a “South Stream”, la pipeline dalla Russia alla Bulgaria via Mar Nero – un progetto che però il Cremlino ha abbandonato a dicembre, in risposta alle sanzioni imposte dall’Unione europea dopo l’invasione dell’Ucraina per mano della Russia e l’annessione della Crimea.

Il progetto South Stream non è riuscito a conformarsi alle direttive dell’Ue in materia di concorrenza ed energia, e l’annuncio del Turkish Stream da 12 miliardi di dollari potrebbe rafforzare la reputazione della Russia di partner inaffidabile, spingendo quindi l’Europa a cercare in fretta forniture alternative. Mettendo a rischio il suo mercato più lucrativo, Putin mostra una certa noncuranza, quasi suicida, per l’economia russa – apparentemente per nessun motivo se non quello di cementare l’inimicizia con l’Ucraina.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/pDPx5uV/it;