Gideon Mendel/Getty Images

I rifugiati e la povertà rurale

ROMA – Gli esperti e i policymaker in materia di sviluppo si soffermano comprensibilmente sulla migrazione verso le aree urbane e sulla necessità di un’urbanizzazione sostenibile. Ma non devono perdere di vista i drastici cambiamenti che stanno avvenendo nelle aree rurali, che troppo spesso vengono ignorate.

Mentre la crescente domanda di cibo – spinta dall’incremento demografico e dai redditi più elevati – sta creando delle opportunità per gli abitanti delle zone rurali, la fame e la povertà restano concentrate nelle parti rurali dei paesi in via di sviluppo. Fino a quando lo sviluppo rurale non riceverà le giuste attenzioni, i giovani continueranno ad abbandonare l’agricoltura e le aree rurali in cerca di una vita migliore in città o all’estero.

L’anno scorso durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, i leader mondiali hanno adottato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), che includono un impegno a “non lasciare indietro nessuno”. E con il numero di sfollati e rifugiati che quest’anno tocca i massimi storici, l’Onu organizzerà un vertice il 19 settembre per discuterne.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/kok9FfM/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.