Paul Lachine

Il G20 non fa passi in avanti sul commercio

NEW YORK – I leader del G20 ribadiscono l'importanza di mantenere e rafforzare la liberalizzazione del commercio. Il summit svoltosi a giugno a Toronto, sebbene non particolarmente attivo sul tema del commercio, non si è tirato indietro su tale questione. Si è tuttavia parlato molto, e la politica delle chiacchiere (generalmente a favore del commercio) non ha trovato riscontro nei fatti.

Il paradosso è che tale atteggiamento è stato comunque positivo al fine di mantenere lo status quo del protezionismo. Dopotutto, i fatti potrebbero anche “far indietreggiare” il libero scambio. Quindi, usando un linguaggio commerciale, direi che abbiamo assistito a una “battuta di arresto”.

Ma l'assenza di azioni concrete a sostegno del commercio ha anche significato la mancanza di passi in avanti in fatto di liberalizzazione del mercato. Il Doha Round dei negoziati multilaterali sugli scambi commerciali, in corso da tempo, sembra ormai essere in una posizione di stallo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/WuNh8TP/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.