12

Il rischio della disuguaglianza

NEW YORK – Il livello raggiunto oggi dalla disuguaglianza globale è stato osservato l'ultima volta alla fine del XIX secolo – e continua ad aumentare. Con esso è sopraggiunto un sempre maggiore senso di privazione dei diritti civili che ha alimentato alienazione e rabbia, e che ha nutrito anche nazionalismo e xenofobia. Mentre le persone lottano per tenersi stretto il loro pezzo di torta sempre più piccolo, la loro ansia ha creato un'apertura politica per i populisti opportunisti, scuotendo l'ordine mondiale in corso.

Il divario tra ricchi e poveri ai giorni nostri è sbalorditivo. Oxfam ha osservato che le otto persone più ricche del mondo vantano una ricchezza pari a quella posseduta in totale dai 3,6 miliardi più poveri. Come ha sottolineato di recente il senatore statunitense Bernie Sanders, la famiglia Walton, proprietaria di Walmart, ora detiene più ricchezza del 42% della popolazione statunitense più povera.

Posso offrire il mio confronto scioccante. Tramite il database di ricchezza di Credit Suisse, ho scoperto che la ricchezza totale delle tre persone più ricche del mondo è superiore a quella di tutte le persone in tre paesi - Angola, Burkina Faso e Repubblica Democratica del Congo - che insieme formano una popolazione di 122 milioni.

A dire il vero, il grande progresso nella riduzione della povertà estrema - definita come il consumo di meno di 1,90 dollari al giorno - è stato raggiunto negli ultimi decenni. Nel 1981, il 42% della popolazione mondiale viveva in condizioni di estrema povertà. Entro il 2013 - l'ultimo anno di cui disponiamo di dati completi - tale quota era scesa al di sotto dell’11%. Una dimostrazione frammentaria suggerisce che la povertà estrema si trova ora appena al di sopra del 9%.

C’è sicuramente qualcosa da festeggiare. Ma il nostro lavoro non è ancora finito. E, contrariamente a quanto credono in tanti, quel lavoro non deve rimanere confinato al mondo in via di sviluppo.

Come Angus Deaton ha recentemente sottolineato, la povertà estrema resta un problema serio anche nei paesi ricchi. “Diversi milioni di americani - neri, bianchi, ispanici - ora vivono in famiglie con un reddito pro capite di meno di 2 dollari al giorno”, ha affermato. Dato il costo della vita molto più alto (compreso l'alloggio), osserva, tale reddito può rappresentare una sfida ancora più grande in un paese come gli Stati Uniti di quanto non sia, per esempio, in India.

Questo vincolo è evidente a New York City, dove il numero di persone senza fissa dimora è passato da 31.000 nel 2002 a 63.000 oggi. (La vera cifra, compresi quelli che non hanno mai usufruito di alloggi, è superiore di circa il 5%). Questa tendenza ha coinciso con un forte aumento del prezzo delle abitazioni: negli ultimi dieci anni, gli affitti sono aumentati di oltre tre volte rispetto alla velocità con cui sono aumentati i salari.

Ironia della sorte, i ricchi pagano meno, per unità, per molti beni e servizi. Un esempio lampante sono gli aerei. Grazie ai programmi frequent flyer, i viaggiatori facoltosi pagano meno per ogni miglio percorso. Anche se ciò ha un senso per le compagnie aeree, che vogliono favorire la fidelizzazione dei viaggiatori abituali, rappresenta tuttavia un altro modo in cui la ricchezza viene premiata nel mercato.

Tale fenomeno è evidente anche nelle economie povere. Uno studio sui villaggi indiani ha mostrato che i poveri fanno fronte a una discriminazione di prezzi sistematica, aggravando la disuguaglianza. Infatti, correggendo le differenze dei prezzi pagati da ricchi e poveri, migliora il coefficiente Gini (una misura comune di disuguaglianza) del 12-23%.

I più benestanti hanno anche tutta una serie di beni gratuitamente. Per citare un esempio apparentemente banale, non ricordo quando è stata l'ultima volta che ho comprato una penna. Spesso sono semplicemente sulla mia scrivania, lasciate per caso da persone che si sono fermate nel mio ufficio. Spariscono altrettanto spesso, poiché le persone involontariamente le prendono. Il defunto Khushwant Singh, un noto giornalista indiano, una volta ha detto che partecipava alle conferenze solo per fare scorta di penne e carta.

Un esempio non banale è la tassazione. Piuttosto che pagare tasse più elevate, le persone più ricche spesso traggono vantaggio da deduzioni e scorciatoie che non sono disponibili per coloro che guadagnano meno. Senza dover rompere tutte le regole, i ricchi ricevono un importo pari a quello dei sussidi, che avrebbe un impatto di gran lunga più positivo se fossero assegnati ai più poveri.

Al di là di queste ingiustizie concrete, ci sono squilibri meno evidenti - ma ugualmente dannosi. In ogni situazione in cui, legalmente, i propri diritti non vengono rispettati o anche specificati, il risultato dipenderà probabilmente dall'abitudine, che è fortemente sbilanciata a favore dei ricchi. I cittadini ricchi non solo possono votare; essi possono influenzare le elezioni attraverso donazioni e altri mezzi. In questo senso, l'eccessiva disuguaglianza nella ricchezza può minare la democrazia.

Naturalmente, in qualsiasi economia ben gestita, una certa quantità di disuguaglianza è inevitabile e persino necessaria, per creare incentivi e alimentare l'economia. Ma, al giorno d'oggi, le disparità di reddito e di ricchezza sono diventate così estreme e radicate che attraversano le generazioni, mentre la ricchezza della famiglia ha un impatto molto maggiore sulle prospettive economiche rispetto al duro lavoro. E funziona in entrambi i modi: proprio come i bambini provenienti da famiglie benestanti hanno molte più probabilità di essere ricchi in età adulta, i figli di, ad esempio, ex bambini lavoratori sono più propensi a lavorare durante la loro infanzia.

Niente di tutto ciò è colpa di ogni individuo. Molti cittadini facoltosi hanno contribuito alla società e hanno giocato secondo le regole. Il problema è che le regole sono spesso distorte a loro favore. In altre parole, le disparità di reddito derivano da difetti sistemici.

Nel nostro mondo globalizzato, la disuguaglianza non può essere lasciata ai mercati e alle comunità locali per risolvere più di quanto il cambiamento climatico possa fare. Mentre le conseguenze della crescente disuguaglianza nazionale si alimentano attraverso la geopolitica, erodendo la stabilità, la necessità di elaborare nuove regole, sistemi di redistribuzione e anche accordi globali non è più una questione di morale; è sempre più una questione di sopravvivenza.