Paolozzi/Newton/Istvan/Flickr

La lacuna di Piketty sul know-how

CAMBRIDGE – I quadri teorici sono strabilianti in quanto ci permettono di comprendere in termini più semplici gli aspetti fondamentali di un mondo complesso, proprio come le mappe. Ma, proprio come le mappe, sono utili solo fino a un certo punto. Le mappe stradali, ad esempio, non danno infatti indicazioni sulle condizioni del traffico o aggiornamenti sullo stato dei lavori sulle autostrade.

Un metodo utile per capire l’economia mondiale è l’elegante quadro presentato da Thomas Piketty nel suo acclamato libro Capital in the Twenty-First Century. Piketty divide il mondo in due elementi di fondo: capitale e forza lavoro, entrambe utilizzati nella produzione e nella percentuale dei profitti.

La distinzione principale tra i due è che il capitale si può comprare, possedere, vendere e, in teoria, accumulare senza limiti come fanno i super ricchi, mentre la forza lavoro è invece l’utilizzo della capacità di un individuo che può essere remunerato, ma non posseduto da altri, dato che la schiavitù è finita da un pezzo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/kJ0eJ6i/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.