0

La revisione della catena d’approvvigionamento dei servizi pubblici cinesi

HONG KONG – La catena d’approvvigionamento lega i produttori ed i consumatori attraverso una rete complessa di contratti d’appalto, in un contesto in cui i leader di mercato delle diverse categorie di prodotto coordinano le attività di produzione delle varie componenti con profitto. Ad esempio, un iPad può essere progettato in California, con chips provenienti dal Giappone e altre parti dalla Corea del Sud, Taiwan e altri paesi, per essere poi assemblato in Cina e distribuito globalmente. Tuttavia, la questione delle catene d’approvvigionamento non è così semplice come suggerirebbe tale descrizione.

La maggior parte degli studi sulle catene d’approvvigionamento esaminano le loro operazioni dando però per scontato che il governo abbia un ruolo fondamentale nella concessione delle autorizzazioni. Dato che un eventuale mancata fornitura dei servizi pubblici inibirebbe il funzionamento vero e proprio delle catene di approvvigionamento del business, è fondamentale capire come funziona la catena d’approvvigionamento a livello statale.

Ad esempio, la trasformazione dell’economia cinese è stata possibile grazie ad una fornitura sincronizzata dei servizi pubblici finalizzata al sostegno delle catene d’approvvigionamento della logistica, della finanza e dei prodotti manifatturieri. Si è trattato di un’operazione difficile che ha coinvolto il governo cinese e diverse agenzie governative e ministeri a vari livelli.

Una catena d’approvvigionamento non è solo una rete di produzione, ma anche un meccanismo di feedback in tempo reale che si modifica costantemente al fine di assicurare un coordinamento ed un allineamento efficiente della produzione con l’obiettivo di soddisfare i cambiamenti della domanda, dei gusti e delle preferenze dei consumatori globali. La tecnologia ha permesso una fornitura di servizi più rapida, efficiente e nel rispetto dei tempi richiesti grazie alla condivisione della conoscenza e delle specializzazioni su scala globale. Come ha scoperto Apple, il vincitore in grado di coordinare una catena d’approvvigionamento riesce ad emergere con i costi globali più bassi e la più ampia quota di mercato.