Donald Trump and President Ronald Reagan meet at a 1985 White House reception Ronald Reagan Presidential Library

Déjà “Voodoo”

NEW YORK – Non riuscendo ad “abrogare e sostituire” l’Affordable Care Act del 2010 (“Obamacare”), l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la maggioranza congressuale repubblicana adesso sono passate ad occuparsi della riforma fiscale. Otto mesi dopo l’insediamento, l’amministrazione è riuscita ad offrire solo una descrizione di ciò che ha in mente. Ma quello che sappiamo è sufficiente a procurarci un profondo senso di allarme.

La politica fiscale dovrebbe riflettere i valori di un paese ed affrontarne i problemi. Ed oggi gli Stati Uniti – e gran parte del mondo – si confrontano con quattro problemi cruciali: l’ampliamento delle disuguaglianze dei redditi, la crescente insicurezza del lavoro, i cambiamenti climatici ed un’anemica crescita produttiva. Inoltre, l’America si trova di fronte alla necessità di ricostruire le proprie decadenti infrastrutture e rafforzare il sistema di istruzione primario e secondario.

Ma ciò che Trump ed i Repubblicani stanno offrendo in risposta a queste sfide è un piano fiscale che prevede di destinare una quota preponderante dei benefici non alla classe media – una gran parte della quale può effettivamente pagare più tasse – ma ai milionari e miliardari americani. Se le disuguaglianze costituivano un problema prima, l’adozione della riforma fiscale proposta dai Repubblicani renderebbe questo molto più grave.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/itzKveO/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.