Paul Lachine

Come sfruttare il boom delle rimesse

ROMA – Da oltre un decennio le economie asiatiche sono in movimento, e così anche le loro popolazioni. La portata della migrazione dalle aree rurali a quelle urbane e oltre i confini internazionali non ha precedenti nella storia, e il punto focale è l’Asia del ventunesimo secolo.

Nei Paesi in via di sviluppo dell’Asia, la forza e il potenziale delle rimesse – il denaro inviato dai lavoratori emigrati alle famiglie (molte delle quali vivono in aree povere e remote) – sono enormi. Attualmente, oltre 60 milioni di lavoratori provenienti dalla regione Asia/Pacifico rappresentano più della metà di tutte le rimesse rivolte ai Paesi in via di sviluppo, inviando in patria circa 260 miliardi di dollari nel 2012.

Cina, India e Filippine sono i tre maggiori destinatari delle rimesse; Bangladesh, Indonesia, Pakistan e Vietnam si collocano nella top ten. Il denaro è spesso un’ancora di salvezza: si stima che il 10% delle famiglie asiatiche dipenda dai pagamenti provenienti dall’estero per ottenere cibo, vestiti e riparo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/DfFgtzg/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.