Stop TTIP protest mehr demokratie/Flickr

Le Confuse Argomentazioni a Sostegno degli Accordi Commerciali

PRINCETON – Con i negoziati commerciali globali in fase di stallo da anni, gli accordi regionali – un percorso verso la liberalizzazione del commercio a lungo dormiente – sono ripresi con maggiore intensità. Gli Stati Uniti sono al centro di due megatrattati che potrebbero plasmare il futuro cammino del commercio mondiale.

Il Trans-Pacific Partnership (TPP) si trova ad uno stadio più avanzato e, oltre agli Stati Uniti, coinvolge 11 paesi, che producono complessivamente fino al 40% della produzione mondiale; ma è rilevante che la Cina non sia tra questi. Il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) con l’Unione Europea ha una portata ancora più ambiziosa, prospettando l’unione tra due regioni gigantesche che insieme rappresentano la metà del commercio mondiale.

Gli accordi commerciali hanno da tempo smesso di essere un ambito specialistico per esperti e tecnocrati. Quindi non è sorprendente che entrambe le iniziative abbiano prodotto un dibattito pubblico, acceso e significativo. Le prospettive di sostenitori e oppositori sono così polarizzate che è difficile non essere assolutamente confusi circa le probabili conseguenze. Per cogliere ciò che è in gioco, dobbiamo comprendere che questi accordi sono motivati da un mix di obiettivi – alcuni positivi, altri meno in una prospettiva globale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/DH8fu1W/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.