tanks in Turkey Anadolu Agency | Getty Images

Riformare lo stato di sicurezza arabo

WASHINGTON, DC – Ciò che sta vivendo tutto il mondo arabo dimostra che quando si tratta di riforma del settore della sicurezza, gli approcci tecnocratici sono inadeguati. In parole semplici, l’attenzione dei tecnocrati di migliorare le competenze e la capacità operativa, in assenza di una migliore governance dei servizi per la sicurezza, può essere facilmente sovvertita dalle coalizioni anti-riformiste, il che si traduce nel perpetrarsi di modelli comportamentali regressivi.

Ciò vale soprattutto negli ambienti sociali e politici polarizzati – i casi più evidenti oggi sono Egitto, Iraq, Libia e Yemen, per non parlare di Bahrain e Siria. Ma anche nei Paesi dove esiste un certo grado di pluralismo politico e non vi sono disordini civili o conflitti armati nazionali – quali Libano e Tunisia, e potenzialmente Autorità Palestinese e Algeria – gli approcci incrementali possono ottenere solo un successo parziale. La creazione di un servizio di sicurezza pienamente modernizzato e affidabile richiede qualcosa in più che le temporanee soluzioni dei tecnocrati.

A prescindere dai quadri giuridici formali, le barriere nei confronti di controlli efficaci evitano il monitoraggio dei flussi finanziari diretti alla polizia e alle agenzie di sicurezza interna. Inoltre, tali istituzioni sono spesso in grado di farsi carico dell’addestramento formale anti-corruzione eppure si continua come se nulla fosse.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/uQZ12jP/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.