Chi dovrebbe guidare l’FMI?

CAMBRIDGE – Ogni volta che si è in attesa della nomina di un nuovo Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale, i critici sostengono che sia giunta l’ora di nominare un rappresentante di un paese dei mercati emergenti. Ma le lamentele non riusciranno a cambiare l’ingiusta tradizione, lunga ormai sessant’anni, che vede a capo dell’FMI un europeo e a capo della Banca Mondiale un americano. Solo nel caso in cui i paesi dei mercati emergenti decidessero di sostenere lo stesso candidato avrebbero l’opportunità di assicurarsi il posto.

Purtroppo, anche questa volta, è difficile che ciò avvenga, pertanto il posto andrà nuovamente ad un europeo. Dopotutto, il principio spesso ribadito secondo cui il direttore dell’FMI debba essere scelto sulla base del merito e non della nazionalità non indica necessariamente un allontanamento dalla passata tradizione. In effetti, il Ministro francese, Christine Lagarde, (la scelta europea) ispira rispetto e capacità.

Ma la proposta secondo cui l’attuale crisi del debito nella zona periferica dell’Europa sarebbe una buona ragione per nominare un europeo è comunque sbagliata. La stessa Lagarde sembra riconoscerlo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/2xhUzxH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.