Jordan Pix/Getty Images

Riconciliarsi con il “Sykes-Picot”

NEW YORK – Questo mese ricorre il centenario dell’Accordo Sykes-Picot, l’intesa segreta anglo-francese che ha dato origine ad una serie decennale di aggiustamenti dei confini del Medio Oriente post-ottomano. Quasi tutti i commenti riguardo all’anniversario sono stati negativi, suggerendo che all’accordo va attribuita gran parte della colpa per la frequenza e la durata dei conflitti nella regione.

Tale interpretazione, tuttavia, sfiora il ridicolo. Mark Sykes e François Georges-Picot intendevano definire un programma che consentisse a Gran Bretagna e Francia di evitare una disastrosa rivalità in Medio Oriente. Ci sono in gran parte riusciti: il loro disegno ha evitato che la regione si frapponesse tra le due potenze europee, ed è riuscito a sopravvivere per un secolo.

A dire il vero, molti dei confini dovuti al Sykes-Picot riflettevano la definizione di accordi ritagliati in Europa piuttosto che le realtà demografiche o storiche locali. Ma ciò difficilmente rende il Medio Oriente un caso unico: la maggior parte dei confini di tutto il mondo deve la propria eredità meno a progetti ponderati o a scelte popolari che ad un misto di violenza, ambizione, geografia, e caso.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/1Sm2EAj/it;