Paul Lachine

Leggi le Labbra della Cina

NEW HAVEN – I cinesi hanno un’ammirazione di lunga data per il dinamismo economico proprio degli Stati Uniti. Ma hanno perso fiducia nel governo Americano e nella sua gestione economica disfunzionale. Questo messaggio mi è arrivato forte e chiaro durante i miei viaggi recenti a Pechino, Shanghai, Chongqing, and Hong Kong.

Avendo seguito a ruota la crisi dei subprime, il dibattito sul tetto massimo di indebitamento ed il deficit budgettario è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Gli alti funzionari cinesi sono sbalorditi per come gli Stati Uniti permettano alla politica di vincere sulla stabilità finanziaria. Un policy-maker di alto rango ha notato verso la metà di luglio: “Tutto ciò è veramente scioccante… Noi capiamo come vanno le cose in politica, ma l’incuranza costante del vostro governo è incredibile.”

La Cina non è uno spettatore innocente della discesa agli abissi americana. A seguito della crisi finanziaria asiatica alla fine degli anni ’90, la Cina ha raccolto circa 3,2 trilioni di dollari in riserve internazionali in modo da isolare il proprio sistema dagli shock esterni. I due terzi di questa somma – circa 2 trilioni di dollari -  sono investiti in asset in dollari, soprattutto dei buoni del tesoro americano e dei titoli di agenzie quali Fannie Mae and Freddie Mac. Di conseguenza, alla fine del 2008 la Cina è diventata il più grande detentore straniero di attivi finanziari degli Stati Uniti, sorpassando così il Giappone.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FlYTOrg/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.