Recuperando i Friedman

BERKELEY – Proprio in questo momento ci sono sulla mia scrivania il nuovo libro del reporter Timothy Noah, The Great Divergence: America’s Growing Inequality Crisis and What We Can Do about It (La grande divergenza: la crisi della crescente disuguaglianza in America e quello che possiamo fare per gestirla, ndt), ed il classico di Rose Friedman Free to Choose: A Personal Statement (Liberi di scegliere: una dichiarazione personale, ndt). Facendo un parallelo, il pensiero dominante è quanto più difficile sarebbe oggi per i Friedman giustificare e sostenere il libertarismo del limited-government rispetto al 1979.

In quegli anni i Friedman sostenevano tre importanti concetti basati su fatti concreti rispetto a come funziona il mondo. In quel contesto tali concetti sembravano veri, o quasi veri o per lo meno presumibilmente veri, ma ora risultano invece evidentemente falsi. Il fondamento della teoria dei Friedman a sostegno del libertarismo del limited-government si basava ampiamente su questi concetti, ed è ora crollato dato che il mondo si è sostanzialmente rivelato in disaccordo sul modo in cui funziona.

Secondo la prima argomentazione le difficoltà macroeconomiche sarebbero determinate dal governo e non dall’instabilità del mercato privato, o meglio, la forma di regolamentazione macroeconomica necessaria per produrre stabilità economica sarebbe facilmente praticabile e ottenibile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/kW2IBUW/it;