far right Wojtek Radwanksi | Getty Images

Gli strani alleati dell’estremismo

FIRENZE – Al giorno d'oggi, associamo la politica di estrema destra a una fervida islamofobia. Ma non è sempre stato così. In realtà, il rapporto tra l'estrema destra, in particolare in Europa, e il radicalismo islamico ha radici più profonde, con seguaci di entrambi i gruppi che condividono alcune caratteristiche importanti.

Questi legami sono stati spesso ovvi. Amin al-Husseini, il Grande Mufti di Gerusalemme dal 1921 al 1937, ha mantenuto stretti legami con i regimi fascisti in Italia e Germania. Molti nazisti trovarono rifugio in Medio Oriente dopo la seconda guerra mondiale, e alcuni si sono anche convertiti all'Islam. E Julius Evola, il pensatore italiano reazionario il cui lavoro ha ispirato l’estrema destra del dopoguerra in Europa, ha ammirato esplicitamente il concetto della jihad e l'auto-sacrificio che esige.

Dopo gli attacchi terroristici negli Stati Uniti dell’11 settembre 2001, i neonazisti negli Stati Uniti e in Europa hanno festeggiato gli aggressori. Un funzionario di Alleanza Nazionale, il primo gruppo neonazista d’America, ha dichiarato che voleva che i suoi membri avessero "la metà della forza testicolare". In Francia, le celebrazioni degli attacchi si sono svolte presso la sede del Fronte Nazionale e i neonazisti tedeschi hanno bruciato le bandiere degli Stati Uniti. Il gruppo islamista Hizb ut-Tahrir è stato vietato in Germania nel 2003, in parte a causa dei suoi contatti con l'estrema destra.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/1E4plb6/it;