Mistificazione monetaria

NEW YORK – Nel mese di settembre, le banche centrali dei Paesi sulle due sponde dell'Atlantico hanno adottato misure di politica monetaria straordinarie: il tanto atteso "QE3", ovvero la terza tornata di allentamento quantitativo da parte della Federal Reserve americana, e l'annuncio della Banca Centrale Europea di un intervento illimitato sui titoli di Stato dei paesi della zona euro in difficoltà. I mercati hanno risposto con euforia e, ad esempio, negli Stati Uniti i valori dei titoli azionari hanno raggiunto il picco più alto del periodo post-recessione.

D’altro canto, soprattutto tra i politici conservatori, si teme che le ultime misure monetarie possano alimentare l'inflazione e incoraggiare una spesa pubblica incontrollata.

In realtà, le paure dei detrattori e l'euforia degli ottimisti sono entrambe ingiustificate. Con una capacità produttiva al momento sottoutilizzata e delle prospettive economiche immediate così tetre, il rischio di un’inflazione forte è minimo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/N25ZUUA/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.