2

Investire in Happy Ending

LONDRA – Dopo la crisi finanziaria del 2008, gli investimenti pubblici e privati dell’economia reale sono stati sotto attacco. In tempi di difficoltà economiche, può sembrare logico tagliare gli investimenti che producono risultati solo a lungo termine, e quindi economizzare il denaro e le risorse per affrontare i problemi a breve termine. In realtà, tagliare gli investimenti nel nostro futuro – siano essi destinati alle persone, al pianeta, alle istituzioni politiche, o al lavoro - è profondamente irrazionale.

È solo attraverso gli investimenti in idee visionarie, pensieri blue-sky, ricerca e sviluppo, e innovazione che possiamo assicurarci che il futuro sia migliore - più libero, più pacifico, e più prospero - rispetto al passato.

L’istruzione e la cura della prima infanzia, la medicina preventiva, le biblioteche, le infrastrutture fisiche, e la ricerca scientifica di base, ad esempio, sono tutti progetti che hanno un costo – che gli studi dimostrano verrebbe ampiamente compensato. Ma quando i politici hanno bisogno di tagliare le spese, gli investimenti in questi beni pubblici sono spesso i primi ad essere eliminati, perché gli elettori non ne sentono gli effetti a breve termine. La maggior parte delle difficoltà viene rimandata, cosa che rappresenta precisamente il motivo per cui questi tagli sono politicamente attraenti.

Ma questa costituisce la scelta più semplice, che le società non possono permettersi. Dobbiamo iniziare a investire sulle persone il più presto possibile - fin dalla nascita. L’accesso universale alla nutrizione di alta qualità e alla prevenzione sanitaria, così come i programmi di apprendimento per la prima infanzia, rappresentano azioni indispensabili per la costruzione di solide basi sulle quali tutti i paesi del mondo possano assicurare il loro futuro avanzamento sociale e sviluppo economico.