L’economia dello sviluppo sostenibile

PARIGI – Oggi il dibattito economico è dominato da due scuole di pensiero. Secondo gli economisti del mercato libero, i governi dovrebbero ridurre le tasse, semplificare le normative, riformare le leggi sul lavoro, e poi lasciare che i consumatori consumino e che i produttori creino posti di lavoro. Secondo l’economia keynesiana, i governi dovrebbero invece incoraggiare la domanda complessiva attraverso strumenti quali il quantitative easing e incentivi fiscali. Tuttavia nessuno dei due approcci è riuscito a dare dei buoni risultati. C’è quindi bisogno di una nuova economia dello sviluppo sostenibile che permetta ai governi di promuovere nuovi tipi di investimento.

L’economia del mercato libero tende a portare grandi risultati per i ricchi, e risultati poco soddisfacenti per tutti gli altri. I governi degli Stati Uniti e di alcune parti dell’Europa stanno riducendo la spesa sociale, la creazione di posti di lavori, gli investimenti nelle infrastrutture e la formazione professionale in quanto i ricchi imprenditori che finanziano le campagne elettorali dei politici se la passano bene anche se le società intorno a loro sono sull’orlo del crollo.

Ma anche le soluzioni keynesiane, ovvero denaro facile e deficit, non hanno portato i risultati sperati. Diversi governi hanno provato ad utilizzare gli incentivi alla spesa dopo la crisi finanziaria del 2008. Dopotutto, la maggior parte dei politici adorano spendere i soldi che non hanno. Tuttavia, anche gli incentivi a breve termine hanno fallito e portato fondamentalmente a  due principali conseguenze.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/RhLEXcj/it;