Sleek book and smartphone

L’odierno paradosso della produttività

NEW YORK – I recenti trend sulla crescita della produttività non ci inducono a essere ottimisti sul futuro. Nel 2014 la crescita globale della produttività totale dei fattori (total factor productivity, PTF), che misura la produttività combinata di capitale e lavoro, è stata pressoché pari a zero per il terzo anno consecutivo, in flessione dall’1% registrato nel 1996-2006 e dallo 0,5% degli anni della crisi del 2007-2012. E in base alle indicazioni il 2015 non è stato meno sfavorevole. Negli Usa i dati rivisti rilasciati all’inizio di dicembre indicano una produttività in aumento solo al 0,6% di anno in anno nel terzo trimestre.

Se il tasso di crescita della TFP è di fatto sceso dalla media storica dell’1,5% l’anno a quasi zero in paesi come gli Stati Uniti, gli standard di vita dei giovani di oggi aumenteranno molto più lentamente rispetto a quelli dei genitori. Qualsiasi incremento dipenderà interamente dai miglioramenti sul fronte dell’istruzione e della formazione, che sono assenti dai dati, e dagli investimenti in attrezzature e strutture, che sono depressi rispetto ai livelli storici.

Economisti come Robert Gordon della Northwestern University sostengono che questo crollo della crescita di produttività rifletta la stagnazione a livello tecnologico. Secondo Gordon ci sono stati progressi epocali, dall’acqua corrente e dall’elettricità alla combustione interna e ai motori a reazione. L’effetto positivo dell’instant messaging e dei videogames sulla produttività e sul tenore di vita a confronto impallidisce.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/QWQNr5S/it;