Rettitudine prematura

NEW YORK – L’insistenza dell’amministrazione Obama sulla rettitudine fiscale è dettata non da necessità finanziarie, bensì da considerazioni politiche. Gli Stati Uniti non sono uno di quei paesi d’Europa maggiormente indebitati, che devono pagare cospicui premi a fronte dei prestiti contratti dalla Germania. I tassi di interesse sui titoli di Stato Usa sono scesi fino quasi a raggiungere livelli record, il che significa che i mercati finanziari prevedono una deflazione, e non un’inflazione.

Ciononostante, Obama è sotto pressione politica. L’elettorato americano è profondamente preoccupato del debito pubblico accumulato, e l’opposizione repubblica è stata abile nel far ricadere le colpe del crollo del 2008 – nonché la successiva recessione e l’alta disoccupazione – sull’inettitudine del governo, oltre a sostenere che il pacchetto di stimolo sia stato largamente inutile.

C’è un elemento di verità in questo, ma è univoco. Il crollo del 2008 è stato essenzialmente un fallimento dei mercati, per il quale i regolatori Usa (e altri) dovrebbero essere biasimati per non essere riusciti a tenere sotto controllo la situazione. Ma, senza un salvataggio, il sistema finanziario sarebbe rimasto paralizzato, e avrebbe reso la successive recessione decisamente più profonda e prolungata. Vero è che il pacchetto di stimolo Usa è stato ampiamente inutile, ma ciò è accaduto perché la maggior parte di questi incentivi è servita a sostenere i consumi piuttosto che a correggere gli squilibri di base.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/i2wVV6d/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.