Paul Lachine

Predatori e Professori

WASHINGTON, DC – Le grandi università americane sono ancora le vigorose custodi della conoscenza, le forze principali del progresso tecnologico, il luogo delle opportunità che erano una volta? O sono diventate, in parte, le complici senza scrupoli di elite economiche sempre più rapaci?

Verso la fine del suo documentario, Inside Job, vincitore del Academy Award,  Charles Ferguson intervista diversi economisti di spicco riguardo al ruolo da loro svolto in qualità di “cheerleader” retribuite delle pratiche disoneste ed eccessivamente rischiose del settore finanziario, nel periodo precedente la crisi del 2008. Alcuni di questi eminenti accademici hanno ricevuto ingenti somme di denaro per promuovere gli interessi delle grandi banche e delle altre imprese del settore. Come Ferguson documenta nel filmato e nel suo recente libro, Nazione Predatrice, che fa riflettere, ancora oggi molti di quei compensi non sono stati del tutto scoperti.

Il termine predare è del tutto appropriato per le attività di queste banche. Dato che il loro fallimento potrebbe sconvolgere il resto dell’economia, ricevono forme di protezione esclusive  – ad esempio, linee di credito speciali da parte delle banche centrali e regolamentazioni disinvolte (misure previste o annunciate in questi giorni negli Stati Uniti, nel Regno Unito, e in Svizzera).

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/otXueYJ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.