La salute ai tempi di Ebola

NEW YORK – Nell'Africa sub-sahariana, un bambino che si ammala di febbre dovrebbe ricevere cure mediche immediate per scongiurare il rischio che muoia di malaria o polmonite. Ma mentre Ebola semina il panico in Liberia – e in Sierra Leone, Guinea e Nigeria – cresce tra le popolazioni locali la tendenza ad associare medici e strutture sanitarie all'esposizione alla malattia. Fare in modo che queste persone continuino a cercare le cure in caso di bisogno richiede un adeguamento degli ambulatori e la volontà di investire in operatori sanitari di comunità (OSC) assunti in loco, che possano assistere i soggetti più vulnerabili a domicilio.

A dire la verità, le carenze del sistema sanitario della Liberia risalgono a molto prima dell'epidemia di Ebola, con circa il 28% dei suoi quattro milioni di abitanti senza accesso a strutture sanitarie adeguate. L'Accordo di pace globale firmato ad Accra nel 2003 ha sicuramente posto fine a una guerra civile durata anni, ma ha anche lasciato il paese con soltanto 51 medici e delle infrastrutture a dir poco devastate.

Avendo pochissimi operatori qualificati a disposizione, rimettere in sesto il sistema sanitario del paese richiede molto più che costruire nuovi ospedali e ambulatori nel suo territorio caratterizzato perlopiù da foreste pluviali. Per fortuna, il governo liberiano, così come altri governi dell'Africa sub-sahariana, riconosce la necessità di investire nella formazione di OSC nelle aree rurali per curare diarrea, polmonite e malaria, le tre principali cause di morte tra i bambini sotto i cinque anni.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/WUPdQYu/it;
  1. haass102_ATTAKENAREAFPGettyImages_iranianleaderimagebehindmissiles Atta Kenare/AFP/Getty Images

    Taking on Tehran

    Richard N. Haass

    Forty years after the revolution that ousted the Shah, Iran’s unique political-religious system and government appears strong enough to withstand US pressure and to ride out the country's current economic difficulties. So how should the US minimize the risks to the region posed by the regime?

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.