Un mondo fatto di vulnerabilità

ROMA – Nel 2010, i leader globali erano riusciti a raggiungere cinque anni prima della scadenza uno degli obiettivi di sviluppo del millennio che prevedeva la riduzione del 50% della percentuale degli anni ‘90 della povertà mondiale. Ma un livello crescente di disoccupazione e la diminuzione degli stipendi confermano il rischio permanente della povertà nel mondo. Dopotutto, la povertà non è una caratteristica costante di un gruppo predefinito, ma una condizione che minaccia miliardi di persone che si trovano in un contesto di vulnerabilità.

Nonostante le carenze, le misure sul reddito sono utili per una migliore comprensione dell’entità della povertà e della vulnerabilità a livello mondiale. Ma la soglia di povertà pari a 1,25 dollari stimata dalla Banca Mondiale (a parità di potere d’acquisto) che viene utilizzata per misurare gli eventuali progressi in relazione al target di riduzione della povertà degli obiettivi di sviluppo del millennio, non è l’unica soglia rilevante. Quando la soglia di povertà viene aumentata in relazione ad una spesa pro capite giornaliera pari a 2 dollari, il tasso di povertà globale aumenta dal 18% a circa il 40%, il che sta a indicare che molte persone vivono poco al di sopra della soglia di povertà stabilita e che sono pertanto vulnerabili a eventuali shock esterni o a cambiamenti nelle situazioni personali, come ad esempio l’aumento dei prezzi o eventuali perdite del reddito.

Tre quarti dei poveri a livello mondiale vive nelle aree rurali dove si registra tra i lavoratori agricoli la più alta incidenza di povertà, soprattutto a causa di una bassa produttività, della disoccupazione stagionale e degli stipend bassi elargiti dalla maggior parte dei datori di lavoro rurali. Negli ultimi decenni, la vulnerabilità e l’insicurezza economica sono cresciute con l’aumento di un’occupazione transitoria, casuale e precaria tra cui il lavoro autonomo, part-time, a tempo determinato, temporaneo e a chiamata. Anche il lavoro da casa, spesso svolto dalle donne, è in aumento.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/TRzI6RB/it;
  1. Patrick Kovarik/Getty Images

    The Summit of Climate Hopes

    Presidents, prime ministers, and policymakers gather in Paris today for the One Planet Summit. But with no senior US representative attending, is the 2015 Paris climate agreement still viable?

  2. Trump greets his supporters The Washington Post/Getty Images

    Populist Plutocracy and the Future of America

    • In the first year of his presidency, Donald Trump has consistently sold out the blue-collar, socially conservative whites who brought him to power, while pursuing policies to enrich his fellow plutocrats. 

    • Sooner or later, Trump's core supporters will wake up to this fact, so it is worth asking how far he might go to keep them on his side.
  3. Agents are bidding on at the auction of Leonardo da Vinci's 'Salvator Mundi' Eduardo Munoz Alvarez/Getty Images

    The Man Who Didn’t Save the World

    A Saudi prince has been revealed to be the buyer of Leonardo da Vinci's "Salvator Mundi," for which he spent $450.3 million. Had he given the money to the poor, as the subject of the painting instructed another rich man, he could have restored eyesight to nine million people, or enabled 13 million families to grow 50% more food.

  4.  An inside view of the 'AknRobotics' Anadolu Agency/Getty Images

    Two Myths About Automation

    While many people believe that technological progress and job destruction are accelerating dramatically, there is no evidence of either trend. In reality, total factor productivity, the best summary measure of the pace of technical change, has been stagnating since 2005 in the US and across the advanced-country world.

  5. A student shows a combo pictures of three dictators, Austrian born Hitler, Castro and Stalin with Viktor Orban Attila Kisbenedek/Getty Images

    The Hungarian Government’s Failed Campaign of Lies

    The Hungarian government has released the results of its "national consultation" on what it calls the "Soros Plan" to flood the country with Muslim migrants and refugees. But no such plan exists, only a taxpayer-funded propaganda campaign to help a corrupt administration deflect attention from its failure to fulfill Hungarians’ aspirations.

  6. Project Syndicate

    DEBATE: Should the Eurozone Impose Fiscal Union?

    French President Emmanuel Macron wants European leaders to appoint a eurozone finance minister as a way to ensure the single currency's long-term viability. But would it work, and, more fundamentally, is it necessary?

  7. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now