Un mondo fatto di vulnerabilità

ROMA – Nel 2010, i leader globali erano riusciti a raggiungere cinque anni prima della scadenza uno degli obiettivi di sviluppo del millennio che prevedeva la riduzione del 50% della percentuale degli anni ‘90 della povertà mondiale. Ma un livello crescente di disoccupazione e la diminuzione degli stipendi confermano il rischio permanente della povertà nel mondo. Dopotutto, la povertà non è una caratteristica costante di un gruppo predefinito, ma una condizione che minaccia miliardi di persone che si trovano in un contesto di vulnerabilità.

Nonostante le carenze, le misure sul reddito sono utili per una migliore comprensione dell’entità della povertà e della vulnerabilità a livello mondiale. Ma la soglia di povertà pari a 1,25 dollari stimata dalla Banca Mondiale (a parità di potere d’acquisto) che viene utilizzata per misurare gli eventuali progressi in relazione al target di riduzione della povertà degli obiettivi di sviluppo del millennio, non è l’unica soglia rilevante. Quando la soglia di povertà viene aumentata in relazione ad una spesa pro capite giornaliera pari a 2 dollari, il tasso di povertà globale aumenta dal 18% a circa il 40%, il che sta a indicare che molte persone vivono poco al di sopra della soglia di povertà stabilita e che sono pertanto vulnerabili a eventuali shock esterni o a cambiamenti nelle situazioni personali, come ad esempio l’aumento dei prezzi o eventuali perdite del reddito.

Tre quarti dei poveri a livello mondiale vive nelle aree rurali dove si registra tra i lavoratori agricoli la più alta incidenza di povertà, soprattutto a causa di una bassa produttività, della disoccupazione stagionale e degli stipend bassi elargiti dalla maggior parte dei datori di lavoro rurali. Negli ultimi decenni, la vulnerabilità e l’insicurezza economica sono cresciute con l’aumento di un’occupazione transitoria, casuale e precaria tra cui il lavoro autonomo, part-time, a tempo determinato, temporaneo e a chiamata. Anche il lavoro da casa, spesso svolto dalle donne, è in aumento.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/TRzI6RB/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.